Natalie Silva

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

Opere e allestimento della mostra

Sott'acqua?

La Ermanno Tedeschi Gallery presenta la mostra di Natalie Silva “Sott’acqua?”  che inaugura nella sua sede di Milano - in Via Voghera, 14 - il 13 Febbraio 2013.

Che cosa c’entra la frenesia degli uomini d’affari rappresentati dall’artista - peraltro sempre colti in un gesto significativo grazie alla bravura dei tratti che caratterizzano il lavoro di Natalie Silva - con quei tuffatori che sembrano immersi non sono nell’acqua ma anche in un mondo ovattato?

L’artista sta tentando di dirci, attraverso queste due dimensioni apparentemente opposte dell’essere umano, che in realtà siamo un po’ tutti sott’acqua. Lo percepiamo sia come stato d’animo, data la situazione economico-sociale attuale, sia come necessità di liberarci di tutti gli orpelli che ogni giorno ci portiamo dietro.

Quindi il tuffo, la nuotata può essere vista anche come una liberazione finalmente dalle angosce e dalle costrizioni oltre che, naturalmente, come un’espressione fisica.

I colori e le tonalità che Natalie Silva usa per rappresentare i suoi personaggi sono forti ed efficaci. Coglie in un tratto un’espressione, uno sforzo, un movimento.

Dietro ogni suo personaggio c’è ognuno di noi. La bravura dell’artista sta proprio nel cogliere al volo un movimento, un gesto che, nella loro semplicità sono rappresentanti.

Natalie Silva è nata a Landsthul, in Germania nel 1967 ma ha vissuto ovunque. Oggi vive tra Los Angeles e Bordighera.

 

Ermanno Tedeschi Gallery 

a cura di Ilaria Duprè

Milano, dal 14 febbraio al 30 marzo.

 


Web Project by Sea Comunicazione